HOME . STATUTO . EVENTI . PAGINE SOCI


REGRESSO PRO CIVITATE
RASSEGNA STAMPA

Casetta Vaccaj - Palazzo Mosca

La particolarità di questo lavoro è che ci siamo trovati di fronte a superfici intonacate e tinteggiate, colpite da imbrattamenti effettuati con vernici spray, successivamente ricoperti con mani di pittura (anche vistosamente dissimile da quella originale della facciata) e nuovamente eseguiti sopra in tre o quattro strati.
L’effetto sgradevole (particolarmente diffuso nei palazzi storici di Pesaro) è quello di colorazioni arbitrarie, presenti fino ad altezze di 2-2,5 metri, applicate sugli imbrattamenti in luogo di una loro celere rimozione.
In questi casi il lavoro di pulitura si presenta enormemente più lungo e difficoltoso rispetto alla semplice rimozione del graffito in quanto ci si trova a dover asportare spessori di pittura - fino a 5 mm di materiale - con inevitabile scolorimento della prima tinteggiatura originale.
Nel caso del palazzo Mosca, i pesanti strati di pittura, non essendo per niente traspiranti, erano in più punti scrostati e si è dovuti intervenire ripulendo fino all’intonaco originario (grigio).
La successiva tinteggiatura è stata poi eseguita, previo attento esame cromatico del colore originale, con la tecnica dell’aerografo e della velatura, e sono state riprodotte pure le sfumature e le patine del tempo, per scongiurare i fastidiosi stacchi tra il vecchio ed il nuovo senza dover rifare l’intera facciata.
Questo modo di operare è giustificato innanzitutto da un sensibile risparmio economico, e si evita inoltre l’effetto, secondo noi stucchevole, di certi palazzi appena restaurati e simili a scenografie teatrali per il loro nitore e per la totale assenza delle patine dei secoli.


Prima della pulitura, notare gli strati di graffiti successivamente ricoperti con altrettante mani di pittura


Il lavoro ultimato, rimossi i graffiti e gli strati di pittura ammalorati,è stato eseguito il restauro cromatico

La facciata in mattoni anch'essa deturpata da strati di graffiti ricoperti con pittura di colore simile al cotto.


Il lavoro ultimato.
Notare la patina antica del mattone salvaguardata dal nostro sistema di microsabbiatura a pressione regolabile.


Il fronte della Casetta Vaccaj sotto l'azione della microsabbiatura.


Fase n° 2, restauro cromatico e patinatura.



Il lavoro ultimato