ASSOCIAZIONE REGRESSO ARTI

 

pagina soci

 

Mauro Lucarini


CURRICULUM PERSONALE ARTISTICO PROFESSIONALE

MAURO LUCARINI è nato nelle Marche il 27.01.1970.
Ha conseguito il Diploma di Maturità d’Arte Applicata in Xilografia e quelo dell’ Accademia di Belle Arte nella sezione Pittura presso gli istituti della regione.
Vive e lavora in provincia di Pesaro

Ha partecipato alle seguenti esposizioni:

1987 “Premio Internazionale di Cultura città di Anghiari “ IX edizione, ( Vincitore del primo premio sez. xilografia ) Palazzo Pretorio - Chiesa di S. Agostino, Anghiari (AR)
1995 “ATHEMA” rassegna d’arte giovane, Rocca Malatestiana, Fano ( PS )
1995
"Terremerse", Cavoleto (PS )
1995 1° premio nazionale “Fabio Bertoni” per l’incisione (opera segnalata), sala D. Bramante, Fermignano ( PS )
1997 47^ Rassegna Internazionale d’Arte “G. B. Salvi” e “Piccola Europa”, sez. grafica Palazzo Oliva, Sassoferrato ( AN )
1998 “Gruppo Regresso”a cura dell’ Ass. Regresso Arti, Sala Comunale di Montemaggiore al Metauro (PS)
1999
Gli Arcani Maggiori a cura dell’ Ass. Regresso Arti, Sala Arcobaleno, Marotta (PS)
1999
Gruppo Regresso a cura dell’ Ass. Regresso Arti, grottino - Chiostro S.Agostino, Mondolfo (PS)
1999 - Galleria Green, Fano
2000
“XILOGRAFIE, CALCOGRAFIE, LITOGRAFIE di...” a cura dell’ Ass. Regresso Arti, Spazi d’Arte (Euroburgo), Maslianico (CO)
2000
"WE ARE HERE-Art–Area" Art - area, Monterosso (cinqueterre) (SP)
2000 “E - DOMANI” a cura di Evelina Schiatz, Villa San Carlo Borromeo, Senago (MI)
2000
“L’uomo del 2000 nella trdizione del Giubileo” a cura di Massimo Ballabio, Spazio S. Eufemia, Erba (CO)
2000
“Athema Artegiovane 2000, - l’uomo e la natura” a cura di Rita Ferri e Ass. Regresso Arti, Rocca Malatestiana, Fano (PS)
2001 LA FILOSOFIA E LE EMOZIONI (XXXIV Congresso nazionale di filosofia) a cura di Bruno Ceci e Pasquale Venditti - Accademia di Belle Arti di Urbino, Urbino (PS)
2001 - Repertorio degli Incisori Italiani, Gabinetto stampe antiche e moderne del Comune di Bagnacavallo Vol. III 1998-2000
2001 -
“Athema Artegiovane 2001, - CONTAMINAZIONI a cura dell'Ass. Regresso Arti, Scuola Media "Padalino" Fano (PS)
2001 -
MEMORIE, a cura dell'Ass. Regresso Arti, Villa Serena, Brembate Sopra (BG)
2002 - “Incisori contemporanei tra Romagna e Marche” Castello degli Agolanti., Riccione (RN)
2002 - “Sergio Baldoni - Stella Calvani - Franco Cenerelli - Mauro Lucarini” a cura dell’Ass. Regresso Arti, Palazzo Sforza - sala Foresi, Civitanova Marche (MC)
2002 - "Il Segno nel Tempo" Xilografia e Calcografia nelle Marche dal XV al XX secolo, Museo Provincial - Zaragoza (E) - Cartiera Pontificia - Ascoli Piceno
2002 - "INCIDERE" Grafica d'Arte dall'Accademia di Belle Arti di Urbino 1970 / 2002 - Palazzo del Collegio Raffaello, Urbino (PS)

 

 

“Quello che mi frulla nel cervello....” mi dice Mauro tra un bicchiere e l’altro.
Qualcosa si insinua nei suoi pensieri e lo tormenta fino a quando non dIventa creazione e finalmente viene messo in espressione. I suoi lavori sono il frutto di un travaglio del pensiero che investe poi la sua persona tutta. Non gli basta uno schizzo provvisorio, ma cerca la pura immagine così come la sente nascere finchè anche l’ultimo particolare non trova la collocazione giusta nel tutto, in uno spazio diviso ma sempre unico ed infinito.


Ubaldo Ragnoni, 1996

Xilografo puro e artista concettuale Mauro Lucarini è sempre nell'eterno crocevia tra pensiero puro e manualità pedante che traspare nei suoi processi meticolosi.
Ma la forza espressiva ne risulta purificata a dispetto, e nel rispetto, della componente romantica della creatività.
Il suo dialogare con le avanguardie artistiche del '72 - '73 assume la rilevanza deontologica di un linguaggio immanente mai ridondante nell'approssimarsi del tanto discusso "terzo millennio".


Franco Cenerelli, 1999

"Che la materia pensi, è un fatto"
(G, Leopardi).

Fare per far pensare, il far pensare insomma.
Così Lucarini, xilografo e tant'altro,
un infaticabile produttore di finzioni.
Nell'arte, si sa, quello che conta è l'artificio.
Ma ha il culto dello spazio.
Pittura, scultura, grafica, con antichi segni e nuove texture, e infine installazioni sono soggetti al suo concetto dello spazio.
il suo (!) spazio che diventa protagonista...
Quando lo spazio è un'opera.

Evelina Schatz

Sto soprattutto cercando di stare fuori dai guai.
Cerco di lavorare bene.
Lavorare è un'esperienza di crescita, e continuare a imparare mi da soddisfazione.
E poi il mio obiettivo è di lavorare il più possibile.
È l'ingrediente chiave.

Mauro Lucarini, Maggio 2000